La respirazione non serve solo per fornire ossigeno

La respirazione non serve solo per fornire ossigeno

La respirazione non serve solo per fornire ossigeno

Merita Cami Benessere

La respirazione non serve solo per fornire ossigeno

Merita Cami Benessere

Merita Cami Benessere

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (3 valutazioni)

Imparare a respirare è la risposta a problemi come l’insonnia e l’ansia, fino a disturbi post traumatici da stress, pressione alta e depressione.

Non ci pensiamo, ma facciamo circa 20.000 respiri al giorno. Ovviamente la respirazione è importantissima in quanto fornisce ossigeno al corpo ed espelle il CO2 in eccesso mantenendoci in vita. Se la respirazione non è corretta crea danni piuttosto di alimentare le cellule con ossigeno. Il modo in cui respiriamo - lentamente, velocemente o profondamente - manda messaggi al corpo che influenzano l’umore e lo stress nonché il sistema immunitario. L’interesse riguardo al respiro ha avuto una crescita incredibile, visto come può influenzare in meglio la salute se si impara come usarlo. In poche parole, sei proprio tu che devi prendere le redini in mano e controllarlo, sei proprio tu che decidi la velocità, la profondità e se respirare con il naso o la bocca.

Perché respirare con la bocca da l’idea che non stiamo prendendo abbastanza ossigeno?

La maggior parte delle persone è convinta che fare dei grandi respiri tramite la bocca permette di fare entrare più ossigeno nel corpo. Invece succede proprio il contrario. Questi profondi respiri fatti con la bocca non fanno altro che farci venire i capogiri per il fatto di dover eliminare tantissimo CO2 dai polmoni, obbligando i vasi sanguigni a restringersi. Poi, al contrario di quello che crediamo, il CO2 non è un gas di scarto. È importante mantenerne una certa quantità nei polmoni. Se viene espulso troppo durante i respiri profondi, causa un restringimento delle vie respiratorie, non prendono abbastanza aria e la reazione naturale è quella di respirare più intensamente. Una tecnica semplice di respirare per controllare lo stress, l’ansia e gli attacchi di panico. Se stai sperimentando uno dei stati qua sopra elencati e la tua mente continua a correre, prova le tecniche di respirazione spiegate in seguito. Questa sequenza aiuta a diminuire l’urgenza di respirare, mentre si va verso uno stato di relax:

  1. prendi un piccolo respiro con il naso, seguita da un piccolo fuori
  2. tieni il naso per cinque secondi in modo da trattenere il respiro
  3. rilascia il naso per riprendere il respiro
  4. respira normalmente per 10 secondi ripeti la sequenza

3 passi per regolare la respirazione

Questo tipo di respirazione ti aiuterà a diventare calmo ed a entrare in uno stato di meditazione.

  • appoggiate una mano nella parte superiore del torace e l’altra sulla pancia; sentite la pancia muoversi leggermente su e giù durante ogni respiro, mentre il petto rimane fermo
  • chiudete la bocca e respirate con il naso dentro e fuori, concentrandovi nell'aria fredda che entra nel naso e quella leggermente calda che esce fuori piano piano diminuite il volume di ogni respiro, al punto di sembrare che non stiate respirando
  • il punto centrale è sviluppare una voglia leggerissima di aria, cioè un accumulo leggero di CO2 nel sangue, il quale chiede al cervello di respirare

Dopo 3 - 4 minuti si sentiranno gli effetti positivi come l’aumento della temperatura corporea e aumento della saliva. Controllare la respirazione vuol dire attivare il sistema nervoso parasimpatico che andrà a rallentare il battito cardiaco e la digestione, aiutando a farci sentire calmi. Quando cambiamo il modo del respirare, cambiamo gli aspetti importanti della salute.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.