I cambiamenti della vagina negli anni

I cambiamenti della vagina negli anni

I cambiamenti della vagina negli anni

Merita Cami Benessere

I cambiamenti della vagina negli anni

Merita Cami Benessere

Merita Cami Benessere

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (2 Recensioni)

Con il passare del tempo l'aspetto della vagina cambia e percorrendo i 30, 40, 50, 60 anni è inevitabile affrontare questo tabù.

Quando si sentiva la parola vagina da bambine era una parola come le altre. Cresendo, diventava tabù tutto quello che aveva a che fare con la parola stessa e più avanti con gli anni ci si rendeva conto dell'infinito elenco delle inconvenienze che quella parola stava a significare. Escludendo gli svantaggi, potrebbe essere utile sapere già da ora cosa succederà (crescendo) alle parti intime del corpo della donna. Con dedizione a tutte le vagine, presento la cronologia degli eventi dei mutamenti vaginali a partire dai primi 30 anni fino ai 60 anni d'età.

A 30 anni

I trent'anni, il momento che tutte le donne vorrebbero dare alla luce i loro bambini. C'è una domanda che tormenta in questo momento: La mia vagina tornerà alla sua forma originale? Per fortuna esistono 2 ormoni che aiutano in questa impresa. L'estrogeno che si occupa dell'espansione e la relaxina che si occupa del rilassamento.

Quindi, fatte un bel respiro profondo e lasciate che il corpo faccia il suo corso naturale durante il parto. Escluso i medici, i ginecologi, le ostetriche addestrate e/o esperte, nessuno si accorgerà del cambiamento dell'aspetto della vagina (hai capito bene, nemmeno il tuo partner).

Alcuni fattori come la genetica, quanto si è spinto durante la gravidanza e quanti figli si è deciso di fare influenzeranno l'estensione della vagina. Tuttavia è possibile eseguire esercizi del pavimento pelvico durante e dopo la gravidanza per assicurarsi che la vagina torni alla sua forma precedente.

A 40 anni

Con il passare degli anni, c'è un lento e progressivo declino dei livelli di estrogeni, che causano effetti debilitanti sulla vita sessuale e riproduttiva. Il corpo comincia a pagare un pedaggio a causa dei cambiamenti della perimenopausa e della menopausa. Ci può essere una leggera secchezza ed irritazione nella vagina, ma ciò non significa in alcun modo che si dovrebbe astenersi dal godere della vita sessuale.

A 50 anni

Questo è il momento critico della menopausa finale. La rapida regressione dell'estrogeno provoca contemporaneamente la distensione delle pareti vaginali, dolore e secchezza nella vagina, che viene definita nel linguaggio medico come atrofia vulvo-vaginale. Oltre a questo, ci potrebbe essere una perdita dei peli pubici ed una diminuzione della libido ed il rapporto potrebbe diventare doloroso.

C'è un rischio leggermente più alto di infezioni perché la mancanza di estrogeno lascia la vagina priva di batteri buoni come il lattobacilli. Ciò provoca automaticamente la moltiplicazione di batteri nocivi e dannosi che rendono la vagina suscettibile di ripetute infezioni del tratto urinario. L'applicazione topica di creme di estrogeni o di altre forme di trattamento estrogeno può contribuire ad invertire la perdita di elasticità della vagina e mantenere l'umidità necessaria.

A 60 anni

Si dovrebbe essere preparate ad alcuni cambiamenti che compaiono alla vulva e vagina. La vagina potrebbe apparire più pallida e la vulva potrebbe restringersi sia vicino che in lunghezza all'apertura. Non c'è da preoccuparsi, il corpo è dotato di meccanismi sufficienti per riportarci in pista. Per esempio, se sembra che la vagina sia troppo secca, c'è una soluzione rapida per questo.

Divertirsi in un rapporto regolare e non lasciare che l'età venga in superficie. Il sesso periodico tiene intatto la nota piccante ed assicura che non si verifichi la perdita di elasticità e di umidità nella vagina durante questi anni. La cosa peggiore che si potrebbe fare a se stessi è arrendersi. I cambiamenti che seguono l'invecchiamento sono naturali ed inevitabili ma trattabili.

C'è solo una cosa che può mantenere l'energia nonostante questi cambiamenti incontrollabili e difficili da affrontare: rimanere sessualmente attivi. Una semplice riduzione dell'ormone non dovrebbe avere la meglio sulla vita, richiede solo maggiori precauzioni e regolazioni per far fronte alle conseguenze.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.