L'amore romantico è un'ossessione o reale bisogno?

L'amore romantico è un'ossessione o reale bisogno?

L'amore romantico è un'ossessione o reale bisogno?

Merita Cami Benessere

L'amore romantico è un'ossessione o reale bisogno?

Merita Cami Benessere

Merita Cami Benessere

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (1 Recensione)

Siamo tutti alla cerca dell'amore romantico, ma in realtà abbiamo solo bisogno di essere amati incondizionatamente.

La nozione che l'amore romantico ci soddisfa e ci completa è una delle più grandi credenze del 21° secolo. Ovunque intorno a noi, troviamo messaggi che ci inducono a pensare che l'amore vero ci risolverà tutti i problemi ed è in grado di rimuovere il vuoto che abbiamo dentro.

Nel mondo dello spettacolo vediamo spesso che gli attori fanno di tutto per trovare l'amore romantico. Ammiriamo questi personaggi totalmente felici per poi concludere che se anche noi trovassimo l'amore romantico, saremmo felici allo stesso modo. Ascoltiamo musica e leggiamo romanzi che ci prospettano lo stesso obiettivo: «l'amore romantico vince su tutto». Ma, se la realizzazione di questo sogno romantico viene a mancare, viviamo la solitudine, la delusione o la depressione. Un segnale decisivo lo riceviamo anche dal confronto con le esperienze dei nostri amici e colleghi, con chi ha deciso di rimanere single o chi ha vissuto la relazione sbagliata, quindi decidiamo di aspettare quel qualcuno che abbia tutte le carte in regola.

Tutte queste convinzioni, sentimenti e nozioni che circondano l'amore romantico lo rendono una delle esperienze di vita più ricercate. Nessuno vuole rimanere single e questo è comprensibile. È certamente normale e sano desiderare l'amore. È altrettanto umano volere affetto, intimità e qualcuno con cui condividere la vita. Infatti, questo è un bisogno biologico, psicologico, emotivo e spirituale. I problemi si presentano quando si inizia a credere che l'amore romantico è l'unica cosa che ci soddisferà, come se con l'entrata di un'altra persona nella nostra vita - tutti i nostri problemi si risolveranno. Purtroppo e per fortuna non va sempre così..

Perché romantizzare la vita, crea sofferenza

Quando pensiamo del mondo in modo romantico, tutto sembra tanto più morbido e rosa. Ma romantizzando la vita, stendendo un velo magico, non facciamo altro che idealizzare la vita e di conseguenza allontanarci dalla realtà. In altre parole, filtriamo tutto attraverso le nostre credenze e ideali, piuttosto di vedere la realtà per ciò che è realmente.

Più idealizziamo la vita attraverso i filtri colorati, più ci confondiamo e creiamo sofferenza dentro di noi. Quando poi, qualcuno o qualcosa non risponde al nostro ideale diventiamo confusi, arrabbiati, amari, odiosi, cinici o depressi.

Perché pensi che si soffre così tanto nelle relazioni? In modo del tutto innocente abbiamo trasportato tante idee romantiche ed ideali, e, quando il potenziale partner non riflette quello che avevamo immaginato, i nostri specchi idealistici iniziano a rompersi. Rimuovere i nostri vetri colorati può essere molto inquietante, perché all'improvviso ci si trova al buio. La visione è costretta ad adattarsi alla realtà. Ci sentiamo nudi ed esposti, senza protezione, quindi tendiamo a chiudere alla vita.

Ovviamente si ha una forte reazione emotiva all'affermazione «l'amore romantico non ti completa». Questa singola dichiarazione sfida anni e anni di condizionamento, indebolisce l'obiettivo principale che molti di noi portano fin dall'infanzia o dall'adolescenza.

La differenza tra un ideale emotivo e la realtà è che la realtà può essere vissuta. Quindi non c'è da crederci quando ci si sente dire che l'amore romantico non ti completa, puoi sperimentarlo per conto tuo.

Chiunque abbia vissuto una o più relazioni, si ricorderà che non è passato molto tempo dalla felicità al veder svanire l'estasi e pian pian sorgere i problemi della vita quotidiana. Per tutti coloro che hanno rapporti estremamente amorosi e profondi con il partner: lotti ancora con i sentimenti di infelicità, inadeguatezza, bassa autostima, ansia, irrequietezza o solitudine? Sii onesto.

Anche se può essere difficile inizialmente accettare che l'amore romantico non ci completa, questa scoperta è immensamente liberatoria.

All'improvviso, l'integrità personale non dipende dalla ricerca dell'altra persona. La felicità e il senso di completamento non si basano sulla presenza di un altro perfetto. Fermati a pensare come è insano il pensiero che qualcuno là fuori sia la chiave per il tuo completamento. Non è un pensiero terribilmente depresso? Questa singola convinzione crea tanto ansia, stress e disperazione dentro di noi. Non è triste che tanti di noi credono che la felicità possa essere trovata inseguendo un ideale?

La necessità più profonda di ogni essere umano è dare e sentire amore. L'amore romantico è una delle esperienze più vicine alla nostra vera natura, per questo ci si ossessiona tanto.

Quando ci innamoriamo, i nostri cuori si aprono ed un senso di libertà ci riempie. Ma la chiave da ricordare qui è che l'amore romantico non è uguale all'amore incondizionato.

Anche quando si trova l'amore della vita, il vuoto e l'oscurità torneranno. Questa sensazione di incompletezza potrebbe sorgere dopo 1, 2, 5 o 10 anni, ma tornerà sempre.

Scegliendo di togliere i vetri colorati e affrontare la realtà, farai un coraggioso passo avanti verso la verità che nessuno può mai completare, la tua anima è già integra.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.