Perché si manifestano i terrori notturni negli adulti?

Perché si manifestano i terrori notturni negli adulti?

Perché si manifestano i terrori notturni negli adulti?

Merita Cami Benessere

Perché si manifestano i terrori notturni negli adulti?

Merita Cami Benessere

Merita Cami Benessere

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (12 Recensioni)

I terrori notturni negli adulti possono manifestarsi da diversi fattori singolarmente o combinati fra loro, ma anche da problemi di salute.

Da bambini gli incubi erano un'esperienza comune. Nella maggior parte dei casi erano semplici esperienze derivanti da preoccupazioni o da paura per aver visto un film horror. In alcuni casi particolari gli incubi possono provenire da abusi, negligenze o altre esperienze traumatiche. A differenza degli incubi, i terrori notturni causano sentimenti negativi, ma non svegliano il soggetto. Alcuni terrori notturni negli adulti provengono delle stesse cose, ma funzionano in modo molto diverso.

La fonte del terrore notturno negli adulti

I terrori notturni negli adulti o parasonnie possono durare da pochi secondi a pochi minuti. Si verificano anche durante la prima parte del sonno mentre gli incubi si verificano nel riposo REM più profondo. Il soggetto che ha un terrore notturno senza essere conscio e consapevole può flettere gli arti, aprire gli occhi o sedersi sul letto e al risveglio (spesso) non si ricorda nulla di quella che è successo. Qui riportiamo alcuni fattori che causano il terrore notturno negli adulti:

Stress

Attacchi insoliti di stress o ansia possono innescare un terrore notturno. Poiché lo stress colpisce i nervi che si riferisce alle funzioni del cervello, è facile vedere una connessione che potrebbe causare questo problema. Lo stress include il pensiero eccessivo, questo dimostra come i terrori notturni possano evolversi da una mente iperattiva. Se riduci lo stress, puoi ridurre la probabilità di avere terrori notturni.

Privazione del sonno

Probabilmente avrai sentito parlare delle apnee notturne. Questa condizione influisce sula respirazione, sulla qualità del riposo e anche sulla frequenza che si fanno i sogni. È sicuro dire che la privazione del sonno da condizioni come apnea può creare ogni sorta di scenario di terrore notturno. La mancanza di sonno lascia il corpo affaticato e impedisce il riposo.

Febbre

Quando la febbre colpisce la temperatura può salire velocemente. Una volta che la temperatura corporea raggiunge un certo livello, si inizia ad avere allucinazioni o strani schemi di pensiero. A volte i terrori notturni sono la prima indicazione di una temperatura elevata.

Disturbo post traumatico da stress

Il disturbo da stress post-traumatico può col tempo causare terrori notturni. Considerando che qualcosa di grave si è verificato nella vita, non sorprende correlare il fatto che questi sentimenti possano manifestarsi anche nel sonno. Inoltre, quando lo stress post-traumatico è coinvolto durante il giorno questo si traduce in emozioni negative durante il sonno, proprio come lo stress ordinario può fare la stessa cosa.

Abuso di sostanze

L'abuso di alcol o droghe cambia il modo di pensare. Modella gradualmente e permanentemente il cervello. È facile vedere come possono verificarsi i terrori notturni negli adulti a causa di queste sostanze. L'alcol è un sedativo e in concomitanza con la depressione clinica può verificarsi un regolare schema di disturbi del sonno.

Malattie mentali

Molte persone che soffrono di disturbi mentali come la depressione e il disturbo bipolare sperimenteranno i terrori notturni a un certo punto della vita. Con il disturbo bipolare lo stadio maniacale provoca un livello molto elevato di attività cerebrale. Questo da solo può causare terrori notturni. Anche chi soffre di un disturbo d'ansia può sperimentare gli stessi effetti. Una cosa che questi disordini hanno in comune è il malfunzionamento del cervello. Se il cervello è iperattivo o sottomesso dal pensiero negativo possono nascere i terrori notturni.

Disturbi del sonno e della respirazione

I disturbi della respirazione e del sonno come l’apnea durante il sonno o insonnia possono essere la radice dei terrori notturni. L'apnea notturna causa il controllo del respiro da parte del cervello. Questa iperattività contribuisce ad avere gli incubi e anche i terrori notturni. L'insonnia funziona allo stesso modo a differenza che il cervello funziona a velocità normale, ma non rallenta per dormire. Anche dopo il sonno il cervello non può ancora entrare completamente nel riposo profondo, alimentando così i terrori notturni.

Farmaci

Non dimentichiamo gli effetti collaterali di alcuni farmaci. Molte condizioni di salute richiedono un elevato dosaggio di farmaci che possono cambiare il modo di pensare e di agire. Questo cambiamento può innescare terrori notturni in alcuni soggetti. Inoltre, il cambio dei farmaci può causare emozioni che assomigliano ai sintomi di astinenza e questi sintomi possono continuare anche nelle ore di sonno.

Terrori notturni: Come puoi aiutarti?

Poiché i terrori notturni sono strettamente correlati agli episodi di sonnambulismo, è meglio rimuovere tutti gli oggetti che possono essere dannosi nelle vicinanze della zona notte. Si consiglia di dormire con la porta della camera chiusa a chiave per evitare il sonnambulismo e un potenziale combinazione con il terrore notturno in quanto potrebbe essere pericoloso.

La terapia cognitiva comportamentale, l'ipnosi e l’assistenza psicologica possono anche essere d'aiuto a coloro che soffrono di questo problema. Ricordati che trattare il terrore notturno è importante tanto quanto curare altre malattie e deve quindi essere preso sul serio!

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.