Superare la depressione con la meditazione

Superare la depressione con la meditazione

Superare la depressione con la meditazione

Merita Cami Benessere

Superare la depressione con la meditazione

Merita Cami Benessere

Merita Cami Benessere

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (9 Recensioni)

Ti senti soffocato e senza via d'uscita dalla depressione? Non preoccuparti, la meditazione ti salverà!

La meditazione funziona? Sì, perché disattiva la parte del cervello che favorisce la depressione. I neuroscienziati (di fama mondiale) di Harvard hanno studiato il cervello di chi pratica la meditazione e hanno scoperto che il loro amigdala o centro di depressione si restringeva notevolmente!

I medici e i psichiatri che ben conoscono gli antidepressivi hanno già accertato come i livelli di alcune sostanze chimiche del cervello possono influenzare l'umore e quindi possono stabilizzare chimicamente l'umore con l'impiego degli antidepressivi.

La vera guarigione dalla depressione ha a che fare con molti fattori quali la dieta, il sostegno, gli affetti, la fede, la fiducia, l'identità, la frustrazione, la risoluzione o la comprensione di traumi infantili e/o comunque di eventi passati ecc. Non esiste una soluzione con la quale basti l'assunzione di una semplice pillola per guarire la depressione.

Meditare ogni giorno è più impegnativo che assumere medicinali, ma è anche molto più efficace. Non ci sono effetti collaterali negativi e non ci sono sintomi da astinenza se si salta una seduta.

Inoltre, studi scientifici hanno dimostrato che la meditazione può essere molto efficace. In un articolo del 2016 intitolato «Come correre e meditare cambia il cervello dei depressi», Melissa Dahl riferisce su uno di questi studi:

Molti studi recenti hanno scoperto che la meditazione effettivamente plasma il cervello, corregge le conseguenze dello stress, migliora la connettività tra i due lobi e promuove la crescita cellulare in regioni chiave sottosviluppate nelle persone depresse, come l'ippocampo. Ciò significa che la meditazione può cambiare la struttura del cervello, ristruttura le reazioni emotive e aumenta la resistenza alla depressione.

Melissa Dahl

Sappiamo che la depressione prende vita nel cervello. Alcune combinazioni di pensieri, ricordi e sostanze chimiche del cervello si combinano per dare vita alla depressione. Poiché in qualche modo la depressione è una funzione del cervello, possiamo impiegare quanto a nostra disposizione per manipolare il funzionamento del cervello stesso per sconfiggere la depressione.

Comincia a esserti un po' più chiaro l'argomento? Inizia a combattere la depressione con l'aiuto della nostra guida.

Cos’è la depressione?

La depressione è piuttosto complicata. Non possiamo semplicemente scomporla in un'unica definizione. Si verifica a causa di una miscela di fattori biologici, psicologici e sociologici.

Il cervello ha comunicatori d'informazioni chiamati neurotrasmettitori che aiutano a trasportare messaggi attraverso il corpo.

Tra questi ci sono i neurotrasmettitori serotonina e norepinefrina che sono sostanze chimiche cerebrali fondamentali. Quando i livelli di questi neurotrasmettitori si abbassano, ci si sente molto giù e tristi e successivamente si può cadere in depressione.

L'abbassamento dei livelli di serotonina e norepinefrina nel cervello potrebbe essere conseguenza di molteplici fattori, ma può altresì verificarsi senza un motivo particolare.

Il cervello viene coinvolto in pensieri negativi in un processo chiamato ruminazione, mentre cerca di risolvere i problemi e rimuovere i sentimenti negativi. Questo processo può essere difficile da fermare anche se non si volesse più continuare perché si rimane intrappolati in questo stato per un lungo periodo.

La ricerca dimostra che le persone depresse potrebbero rimanere in questo stato per molto tempo perché questo fa parte del proprio senso di sé e allo stesso tempo per ironia della sorte, risulta sempre più difficile riuscire a tirare su il morale tanto più passa il tempo.

Cause della depressione

  • Abusi, maltrattamenti fisici, emotivi, sessuali
  • Assunzione di alcuni tipi di farmaci
  • Lotte, discussioni e conflitti con i propri cari e amici intimi
  • La morte di una persona cara, provare dolore per lunghi periodi
  • Fattore genetico (se qualcuno in famiglia è stato depresso)
  • Cambiamenti significativi nella vita, sia positivi che negativi (laurearsi, trovare/perdere lavoro, sposarsi/divorziare, andare in pensione, ...)
  • Sentirsi soli o ignorati dagli altri
  • Affrontare gravi malattie
  • Abusare di assunzione di sostanze

La meditazione contro la depressione

Sebbene non sia facile individuare la ragione esatta alla base della depressione, ci sono alcuni trattamenti che funzionano bene e ti aiutano a superare il momento.

Anche un'altra ricerca condotta dall'Università di Montreal ha dimostrato che la meditazione aumenta i livelli di serotonina e noradrenalina nel cervello, tenendo sotto controllo la depressione. È fantastico, vero? Altroché! La meditazione può risolvere il problema evitando al contempo l'assunzione di farmaci e lunghe sedute dal psichiatra. Ma, tra le varie meditazioni, qual è quella che meglio funziona sulla depressione?

La meditazione consapevole

1. Seduta

Scegli un luogo senza distrazioni, evita i luoghi affollati e spegni gli apparecchi audio visivi. Assicurati di essere a tuo agio e concentrarti sulla respirazione piuttosto di distrarti dalla seduta scomoda.

Siediti in posizione verticale. Puoi sederti nella posizione del loto o semi-loto oppure su una sedia. Puoi appoggiarti a un muro e usare dei cuscini. Sedersi in posizione eretta facilita la respirazione.

2. Arti

Quando ti siedi, assicurati che i fianchi siano più alti delle ginocchia, magari aggiungendo qualche cuscino. Poggia le mani sulle cosce rivolte verso il basso.

Tieni gli occhi semiaperti con lo sguardo rivolto verso il basso. Devi sentirti a tuo agio. Passa un po' di tempo a concentrarti sul presente.

Concentrati sulla postura del tuo corpo e sui tuoi pensieri.

3. Respirazione

È arrivato il momento di concentrarti sul tuo respiro. Senti la respirazione, l'aria che prima entra e poi esce.

Concentrati al massimo. Respira naturalmente e fai tuo questo processo meglio che puoi.

Tieni presente del tuo corpo e dell'ambiente che ti circonda, sempre cercando di non perdere la concentrazione.

Se desideri rallentare al massimo le attività del corpo, poni una mano sul petto e l'altra sull'addome inferiore, ora inspira attraverso il naso e rilascia l'aria con la bocca. Lo stomaco dovrebbe sollevarsi e abbassarsi mentre il torace deve rimane fermo. Respira in questo modo finché non ti senti calmo.

4. Pensieri

Dopo un po' libera la tua mente. Ascolta i tuoi pensieri, ma concentrati sul respiro, sul corpo e sull'ambiente. Permetti alla tua mente di vagare, ma non analizzare o giudicare. Non controllare i pensieri, qualunque essi siano.

Se mediti regolarmente in questo modo, i sintomi della depressione scompariranno lentamente e sarai di nuovo una persona libera e forte.

Quanto spesso praticare la meditazione?

Pratica la meditazione consapevole ogni giorno, iniziando con una durata breve, allungando gradualmente fino a raggiungere una durata che per te sia sufficiente.

La meditazione è davvero uno strumento utile per superare la depressione. Può avere un impatto positivo sulla regolazione dei pensieri e delle emozioni. Viene praticata persino nelle scuole e nelle carceri per contribuire a ridurre i comportamenti errati o violenti.

Non sei solo nella battaglia contro la depressione, 1 su 15 adulti ne soffre. La depressione ti abbatte, influisce negativamente su come ti senti, pensi e agisci. Riduce la tua capacità di vivere bene. Non è un bel modo di vivere. Inizia a provare la meditazione consapevole.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.