Come scegliere le patate più buone e come conservarle

Come scegliere le patate più buone e come conservarle

Come scegliere le patate più buone e come conservarle

Merita Cami Notizie

Come scegliere le patate più buone e come conservarle

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (1 Recensione)

Il gusto delle patate bianche, viola o dolci può cambiare negativamente se vengono conservate in luoghi freddi, ecco perché.

È un luogo comune pensare che conservare la verdura al fresco, in frigo o in garage, è cosa buona e giusta. In teoria così facendo dovremmo conservarle più a lungo, giusto? Ebbene, questa regola non vale per le patate. Quando le patate prendono freddo, l'amido in essa contenuto si trasforma in zucchero e le fa diventare dure. Potrebbe sembrare normale, ma quando successivamente vengono cotte esse possono emettere proprietà nocive e potenzialmente tossiche.

Ecco cosa succede nello specifico: quando le patate stanno in luogo freddo, un enzima noto come invertasi scompone il saccarosio che esse contengono e lo trasforma in fruttosio e glucosio, chiamato anche il destrosio ovvero il principale zucchero prodotto dal corpo e principale fonte di energia. Questi due zuccheri (il fruttosio ed il glucosio) si combinano con l'aminoacido asparagina e danno vita all'acrilamide durante la cottura. Questo processo non si verifica con le patate surgelate perché il saccarosio non viene suddiviso da temperature molto basse.

Il collegamento acrilamide - cancro

Nel 2002 lo Swedish National Food Autority ha classificato l'acrilamide non più come un potenziale cancerogeno genotossico legato all'aumento del rischio di sviluppare il cancro, ma bensì come la causa innescante. Senza prendere paura, è possibile ridurre la formazione dell'acrilamide immergendo le patate crude in acqua per circa 15 - 30 minuti prima della cottura.

Come sostituire le patate bianche?

Tutti e due le tipologie di patate dolci assieme a quelle viola sono note come una scelta migliore rispetto alle patate bianche, per il contenuto di fibre e l'alta quantità di antiossidanti. Le patate dolci sono più nutrienti delle patate bianche e contengono rame e zinco. Le patate dolci viola contengono più di 3 volte il potere antiossidante a causa di antociani, anche in relazione alla loro pigmentazione, che aiutano a combattere diversi tipi di cancro, tra cui quello dello stomaco, del colon, del polmone e della mammella. Mangiare patate viola ha numerosi benefici per la salute: una mezza tazza contiene 1,4 grammi di proteine, 1,3 grammi di fibra, il 10% del valore giornaliero di potassio, 11% di vitamina C e numerose altre vitamine e minerali. Sono ricche di fibre, facili da digerire, contengono elettroliti preziosi ed aiutano a prevenire il potassio basso.

Se ritieni di avere una buona salute, mangia patate bianche con moderazione tenendo in considerazione che vi sono altre fonti più nutritive e sane rispetto a quanto le patate forniscono. E se proprio ti piacciono, scegli quelle viola ad alto contenuto di antiossidanti. Per secoli il colore viola, delle patate viola, è stato utilizzato come colorante naturale per tessuti o per colorare altri prodotti alimentari.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.