Magnesio contro l'ictus, malattie cardiache e diabete

Magnesio contro l'ictus, malattie cardiache e diabete

Magnesio contro l'ictus, malattie cardiache e diabete

Merita Cami Notizie

Magnesio contro l'ictus, malattie cardiache e diabete

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (2 Recensioni)

Le persone che consumano alte quantità di magnesio hanno meno probabilità di incontrare malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2.

Una nuova ricerca ha rivelato che è sufficiente una semplice abitudine per diminuire il rischio di sviluppare malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2 ovvero consumare quotidianamente attraverso la normale alimentazione 100 mg di magnesio in più.

I ricercatori dell'Università di Zhejiang e dell'Università di Zhengzhou in Cina hanno analizzato più di 1 milione di persone di 9 paesi, i quali hanno consumato maggiori quantità di magnesio. Alla fine della ricerca, hanno scoperto che il rischio di malattie cardiache era inferiore del 10%, quello di ictus inferiore del 12% e quello di diabete di tipo 2 inferiore di 26%.

Problemi legati ad un livello di magnesio basso

Un successivo riesame a distanza di 10 anni, condotto dal ricercatore ed autore Andrea Rosanoff, ha scoperto che né il colesterolo alto né il consumo di troppo grassi saturi sono la causa principale di molte malattie cardiache. I numerosi studi hanno dimostrato che il magnesio basso è associato a tutti i fattori a rischio cardiovascolari noti come il colesterolo, l'ipertensione, la formazione della placca arteriosa, l'indurimento delle arterie e la calcificazione dei tessuti molli.

Anche se ci sono molte altre condizioni mediche che possono essere attribuite ai bassi livelli di magnesio, Carolyn Dean medico e naturopata, membro del consiglio di amministrazione medica dell'associazione di magnesio nutrizionale ha elencato 6 condizioni dei più debilitanti:

  • ipertensione (pressione sanguigna alta)
  • diabete di tipo 2
  • problemi che ottimizzano i livelli di colesterolo
  • aritmia cardiaca
  • angina pectoris
  • attacco di cuore

Cibi ricchi di magnesio

Il magnesio è il 4° minerale più abbondante nel corpo e più di 300 enzimi si affidano ad esso per svolgere una normale funzione muscolare e nervosa legata all'energia quali: vasi sanguigni rilassati, denti, formazione delle ossa, regolazione dell'insulina e dei livelli di zucchero nel sangue.

Il magnesio aiuta il corpo a disintossicare le tossine ed aiuta a sintetizzare il glutatione. Svolge inoltre un ruolo vitale nella prestazione mitocondriale del corpo e nel migliorare il livello energetico. Un aspetto molto positivo di questo minerale è che quando il tuo corpo ha preso la quantità ottimale, semplicemente scroscia il resto.

Gli alimenti che contenenti il magnesio includono

  • verdure come spinaci, cavolo verde, cime di rapa, bietole, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolo, zucchine, pak, choi, lattuga romana
  • cacao puro
  • avocado
  • salmone pescato
  • semi di zucca, girasole frutta a guscio come anacardi, mandorle e noci erbe e spezie, tra cui erba cipollina, coriandolo, cumino, prezzemolo, semi di senape, finocchio, basilico e chiodi di garofano

Conclusione

  • la ricerca suggerisce che 9 ictus su 10 possono essere evitati, se si fa un cambiamento di stile di vita
  • l'obesità può aumentare il rischio di ictus di almeno il 64%, tuttavia semplici cambiamenti di stile di vita, come mangiare pasti più sani, fare regolarmente esercizio fisico e smettere di fumare possono ridurre notevolmente il rischio
  • 10 tipi di cancro sono legati al peso eccessivo che può anche portare a diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus ed una serie di altri problemi di salute
Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.