Vitamina D2 e D3 a confronto

Vitamina D2 e D3 a confronto

Vitamina D2 e D3 a confronto

Merita Cami Notizie

Vitamina D2 e D3 a confronto

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (3 valutazioni)

Da un nuovo studio emerge che c'è una grande differenza tra la vitamina D2 che è un vegetale e, la vitamina D3 che deriva da prodotti animali.

Lo studio innovativo dell'Università di Surrey è stato condotto per determinare, quale tra le vitamine D2 e D3, è più efficace nell'aumentare la presenza di vitamina D nel corpo. La carenza di quest'ultima è una questione seria, ma questo aiuterà le persone a fare una scelta più informata su ciò che possono mangiare o bere per aumentare i livelli attraverso la dieta.

Allo studio hanno partecipato 335 donne sud-asiatiche e bianche durante 2 inverni, a loro è stato dato da assumere la vitamina D2 o D3. Alla conclusione dello studio, i ricercatori hanno rilevato che la vitamina D3 è 2 volte più efficace nell'aumentare i livelli nel corpo della vitamina D, rispetto alla vitamina D2.

I livelli (presenza) di vitamina D nelle donne che hanno ricevuto la vitamina D3 sono aumentati rispettivamente dal 74% al 75% rispetto a quelle che hanno ricevuto la vitamina D2 (33% - 34%) con gli stessi metodi durante le 12 settimane

L'importanza della luce solare

Un altro motivo per cui i livelli di vitamina D sono così importanti è che i mitocondri epatici ed i loro enzimi microsomiali associati, metabolizzano la vitamina D. Il modo migliore per assicurarsi di avere abbastanza vitamina D nel corpo è l'esposizione diretta del corpo alla luce del sole ogni giorno. A seconda della zona, in inverno, quando il sole si nasconde dietro le nuvole e le temperature sono spesso molto basse, da essere costretti a indossare maniche lunghe e giacche, prendere il sole diventa difficile se non impossibile. Un aiuto sostanziale in questi casi è l'aggiunta della vitamina D3 tramite la dieta per poter raggiungere livelli ottimali della vitamina D.

I migliori alimenti sono:

  • latte grezzo
  • uova, in particolare il tuorlo da uova biologiche e libere
  • il salmone selvaggio dell'Alaska e altri pesci sani come lo sgombro e le sardine, preferibilmente da acque fredde

Uno studio dell'Università Emory di Atlanta, ha pubblicato nel Journal of the American College of Cardiology, l'evidenza dell'associazione di vitamina D con la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Il risultato è che i livelli inferiori a 20 ng/ml non sono sufficienti a mantenere la salute delle ossa, per non parlare della possibilità di offrire altri benefici per la prevenzione delle malattie che la stessa vitamina D deve offrire. Questo sulla scorte dal fatto che i livelli ottimali di vitamina D sono compresi tra 50-70 ng/ml.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.