Studiare e curare il morbo di Alzheimer con un videogame

Studiare e curare il morbo di Alzheimer con un videogame

Studiare e curare il morbo di Alzheimer con un videogame

Dritan Cami Notizie

Studiare e curare il morbo di Alzheimer con un videogame

Dritan Cami Notizie

Dritan Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (3 valutazioni)

Alcuni esercizi di abilità del videogame a realtà aumentata, consentono di riconoscere ed eventualmente combattere il morbo di Alzheimer.

I vari livelli del gioco, a seconda delle difficoltà e delle prove richieste, consentono di attivare diverse parti del cervello e questo ci permette di studiare meglio i malati di Alzheimer.

David Reynolds, direttore scientifico del centro di ricerca sull'Alzheimer di Londra.

Giocando al videogioco si forniscono importanti dati agli scienzati che li impiegano per capire meglio come funziona la mente di un malato di Alzheimer. Di contro i pazienti, tenendo costantemente allenata la mente - migliorano il proprio stato di salute - rallentando l'avanzamento della malattia.

Il videogame in questione si chiama Sea Hero Quest VR, è possibile giocare direttamente online, mentre per vivere l'esperienza della relatà aumentata è necessario disporre del visore indossabile Oculus Rift. Questo gioco per la scienza è il frutto di molte virtuose collaborazioni di più enti e organismi a livello globale che hanno cambiato il modo di fare ricerca contro la demenza.

Ci auspichiamo altri progetti simili nel futuro su altri campi della salute, dove ancora oggi non conosciamo i meccanismi che inescano la malattia e né tantomeno vi sono cure possibili.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.