Cos'è il CBD (cannabidiolo) e come funziona

Cos'è il CBD (cannabidiolo) e come funziona

Cos'è il CBD (cannabidiolo) e come funziona

Merita Cami Notizie

Cos'è il CBD (cannabidiolo) e come funziona

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (5 Recensioni)

Sai come lavora il CBD? Le proprietà curative di questo cannabinoide potrebbero sorprenderti. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul CBD.

Nel 2009, alcuni ceppi di cannabis ricchi di CBD furono scoperti in modo del tutto fortuito nella California settentrionale in un granaio della cannabis americana, dove i pazienti certificati potevano accedere legalmente alla marijuana medica. Inizia così un grande esperimento di laboratorio in democrazia che coinvolge terapie di cannabis ricche di CBD.

Da allora, molti appassionati hanno capito che questo composto può fermare gli spasmi, calmare l'ansia e lenire coloro che soffrono di dolore cronico. Non si tratta più di sapere se la marijuana a uso medico funziona, oggi la domanda chiave è: come usare la cannabis per ottenere il massimo beneficio terapeutico? Ma, cos'è il CBD e come funziona? In cosa è diverso dal THC?

Cos'è il CBD?

Il cannabidiolo o CBD è un componente non tossico della pianta di cannabis con un enorme potenziale terapeutico. Sebbene il CBD non faccia sballare le persone come avviene con il THC, sta facendo molto parlare tra scienziati, operatori sanitari e pazienti che usano prodotti di marijuana medica ricchi di CBD per trattare una vasta gamma di condizioni: dolore cronico, cancro, morbo di Crohn, diabete, artrite reumatoide, PTSD, malattie cardiovascolari, ansia, infezioni resistenti agli antibiotici, sclerosi multipla, schizofrenia e altro ancora..

Centri di ricerca accademici negli Stati Uniti e altrove stanno attualmente studiando gli effetti della CBD su questi e altri disturbi. Gli scienziati si riferiscono al CBD come un composto promiscuo perché conferisce benefici terapeutici in molti modi diversi, sfruttando il modo in cui funzioniamo fisiologicamente e biologicamente a un livello profondo.

Un'ampia ricerca pre-clinica e alcuni studi clinici hanno dimostrato che il CBD ha forti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, anticonvulsive, antidepressive, antipsicotiche, antitumorali e neuro-protettive. Il cannabidiolo può cambiare la formulazione genica e rimuovere la placca beta amiloide, il segno distintivo dell'Alzheimer, dalle cellule cerebrali.

Come lavora il CBD?

Il più predominante all'interno delle ghiandole di resina (tricomi) della pianta femmia di cannabis, il CBD è uno degli oltre 80 composti chimici noti come cannabinoidi. I cannabinoidi sono agonisti che si legano a speciali recettori delle cellule, chiamati recettori dei cannabinoidi.

Alcuni recettori sono fortemente concentrati nel sistema nervoso centrale mentre altri si trovano in quasi tutti gli organi del corpo. I recettori dei cannabinoidi si trovano anche nella pelle, nel tratto digestivo e persino negli organi riproduttivi.

Puoi pensare agli agonisti come chiavi e ai recettori dei cannabinoidi come serrature. Consumando la cannabis, stai assumendo gli agonisti che interagiscono con diversi blocchi sulle cellule del corpo. Insieme, questi recettori cellulari costituiscono un sistema endocannabinoide più grande (ECS).

L'ECS è una vasta rete di proteine del recettore cellulare con molte funzioni. Alcuni descrivono l'ECS come il più grande sistema di neuro-trasmettitori nel corpo e incide su:

  • umore
  • memoria
  • capacità motorie
  • funzione del sistema immunitario
  • riproduzione
  • percezione del dolore
  • appetito
  • sonno
  • sviluppo delle ossa

Quattro obiettivi principali dell'ECS comprendono la neuro-protezione, il recupero dello stress, l'equilibrio immunitario e la regolazione omeostatica. L'ultimo è un modo elegante di riferirsi a un sistema che crea un equilibrio energetico ottimale nel corpo.

In qualche modo, il CBD sembra attingere a questo sistema di bilanciamento per produrre i suoi effetti terapeutici. Il CBD è in grado d'interagire con le cellule del nostro corpo perché la molecola ha una composizione simile a sostanze chimiche simili che il corpo umano produce naturalmente, chiamate endo-cannabinoidi. Endo significa dentro e il cannabinoide si riferisce all'azione sui recettori cannabinoidi.

Quale è meglio il CBD o il THC?

Il cannabidiolo e il THC sono la coppia vincente delle terapie a base di cannabis; funzionano meglio insieme. CBD e THC interagiscono sinergicamente per potenziare le qualità curative l'uno dell'altro. Il CBD migliora le proprietà antidolorifiche e antitumorali del THC, riducendo allo stesso tempo la psico-attività.

Il CBD può anche mitigare gli effetti avversi causati da un eccesso uso o presenza di THC, come ansia e battito cardiaco accelerato. Quando entrambi i composti sono presenti in quantità sufficienti nello stesso ceppo o prodotto di cannabis, il CBD abbassa il tetto del THC che fa sballare mentre ne prolunga la durata. «Rilassante, ma non intossicante» ha descritto un paziente la cannabis ricca di CBD.

Il CBD amplia la gamma di condizioni trattabili con la cannabis, come il fegato, i disturbi cardiovascolari e metabolici, che possono essere meno reattivi ai rimedi dominanti il THC. Sia il CBD che il THC stimolano la neuro-genesi ovvero la creazione di nuove cellule cerebrali nei mammiferi adulti.

Qual è il modo migliore per consumare il CBD?

Il sistema di distribuzione più appropriato per la cannabis ricca di CBD è quello che fornisce una dose ottimale per la durata desiderata con pochi effetti collaterali indesiderati. Varietà di fiori di cannabis ricchi di CBD per fumare o svapare sono disponibili in molti dispensari di marijuana medica, ma la maggior parte dei pazienti CBD preferisce prodotti non inalabili fatti con concentrati di olio di cannabis.

Il tempo d'esordio e la durata dell'effetto variano a seconda del metodo di somministrazione. I prodotti a base di olio di cannabis ricchi di CBD possono essere assunti per via sublinguale, per via orale (commestibili, losanghe, bevande, tinture e capsule di gel) o applicati localmente.

L'inalazione è buona per trattare i sintomi acuti che richiedono attenzione immediata; gli effetti possono essere avvertiti entro 1-2 minuti e di solito durano per un paio d'ore. Gli effetti dell'olio di cannabis ricco di CBD somministrato per via orale possono durare per 4 o più ore, ma l'inizio degli effetti è molto più lento (30-90 minuti) rispetto all'inalazione.

Il CBD può curare l'epilessia?

La cannabis ha una ricca storia come medicina per reprimere le convulsioni e risalgono a migliaia di anni fa. A metà del XIX secolo, la farmacopea statunitense elencò la tintura di cannabis come trattamento per l'epilessia pediatrica, e successivi studi scientifici hanno documentato gli effetti anticonvulsivanti di CBD, THC e di tutta la cannabis vegetale. I ceppi di cannabis e gli estratti di olio di cannabis dominante/a basso contenuto di CBD possono facilitare un notevole miglioramento in alcuni bambini con disturbi convulsivi intrattabili.

Tra il 10-15% degli epilettici infantili gravi, a cui viene somministrato olio di CBD, sperimenta una cessazione pressoché completa delle convulsioni; la maggior parte migliora (con una diminuzione, ma non totale eliminazione delle convulsioni); in alcuni casi, i bambini hanno attacchi peggiori quando prendono il CBD.

Molti genitori di bambini epilettici hanno appreso attraverso prove ed errori che l'aumento dell'olio ricco di CBD aggiungendo qualche THC - o meglio ancora, THCA, la forma non riscaldata, non psicoattiva del THC presente nei fiori e foglie di cannabis crudi - aiuta a controllare le crisi.

Il messaggio da tenere in mente è: i prodotti a base di olio di cannabis a basso contenuto di THC non funzionano per tutti! I pazienti di tutte le età hanno bisogno di accedere a un ampio spettro di rimedi dalla pianta di cannabis, non solo di olio ad alto contenuto di CBD.

C‘è differenza tra il CBD proveniente da canapa e il CBD proveniente dalla marijuana?

Rispetto alla cannabis ricca di CBD di piante intere, la canapa industriale coltivata per fibre o semi è in genere a basso contenuto di cannabinoidi. Una grande quantità di fibra di canapa è necessaria per estrarre una piccola quantità di CBD, aumentando così il rischio di contaminanti perché la canapa, un bio-accumulatore, attira le tossine dal terreno. Questa è una grande caratteristica per ripristinare un ecosistema avvelenato, ma non è raccomandato per l'estrazione di olio medicinale.

Il CBD ha effetti collaterali? Che dire delle interazioni farmacologiche?

Il CBD è una sostanza molto sicura, ma può interagire con molti farmaci comuni. A dosaggi sufficienti, il CBD disattiverà gli enzimi del citocromo P450, alterando così il modo in cui metabolizziamo antidolorifici, statine, anticoagulanti, insulina e altro. Le interazioni tra farmaci e CBD possono essere pericolose, ma possono anche aiutare a mitigare gli effetti collaterali migliorando sinergicamente la qualità della vita del paziente.

Le interazioni cannabinoidi oppioidi mostrano un grande potenziale terapeutico. Il THC aumenta gli effetti antidolorifici degli oppiacei, mentre il CBD può ridurre l'astinenza e la dipendenza. I pazienti che assumono farmaci devono monitorare i cambiamenti dei livelli ematici e, se necessario, regolare il dosaggio. Le interazioni problematiche sono più probabili quando si consumano alte dosi di prodotti isolanti CBD.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.