Uno studio mostra il legame tra muscoli forti e cervello

Uno studio mostra il legame tra muscoli forti e cervello

Uno studio mostra il legame tra muscoli forti e cervello

Merita Cami Notizie

Uno studio mostra il legame tra muscoli forti e cervello

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (10 valutazioni)

Una volta si diceva, «Mente sana in corpo sano», oggi la ricerca dice che è proprio così! L'attività fisica è fortemente legata alla salute del cervello.

Prove convincenti confermano che l'esercizio fisico aiuta a costruire la capacità cognitiva e a resistere alla contrazione promuovendo la neurogenesi, ovvero la capacità di adattarsi e far crescere nuove cellule cerebrali. Sfortunatamente, la smemoratezza e i momenti d'amnesia sono considerati da molti medici come una parte normale e anticipata dell'invecchiamento.

Non è proprio così. In effetti, se hai notato vuoti di memoria, dovresti prendere seriamente in considerazione la possibilità di apportare cambiamenti immediati allo stile di vita per aiutare a invertire o almeno minimizzare l'ulteriore deterioramento. Il tuo cervello è in realtà abbastanza adattabile e ha la capacità di riparare e rigenerare, detto neuroplasticità in gergo medico.

I muscoli sono connessi con la capacità cognitiva

Uno studio recente ha trovato una forte correlazione tra la forza d'impugnatura e la salute del cervello. I ricercatori della Western Sydney University hanno misurato la forza dell'impugnatura della mano e sono riusciti a correlare questa forza alla salute del cervello. Un'analisi sui dati raccolti da oltre 475.000 partecipanti britannici ha rivelato che più forte è la presa e meglio reagisce la funzionalità cerebrale.

Durante lo studio, i ricercatori hanno valutato la velocità di reazione, la risoluzione dei problemi logici e test multipli analizzando la memoria dei partecipanti. È interessante notare che i dati erano omogenei tra i soggetti di età inferiore e superiore ai 55 anni (età di riferimento per questo studio). Lo studio ha analizzato l'età, il sesso, il peso corporeo, l'istruzione e ha confermato che i soggetti più forti avevano effettivamente un cervello più performante.

Un confronto dei risultati tra la popolazione generale e gli individui che soffrivano di schizofrenia ha trovato forti somiglianze. La forza della presa era fortemente correlata alla salute del cervello, in particolare nella memoria di lavoro e nella velocità di elaborazione. I ricercatori teorizzano che la forza di presa potrebbe predire gli esiti di salute fisica e funzionale. Ne deriva che negli individui che soffrono di schizofrenia, secondo lo studio, interventi atti a migliorare la forza muscolare potrebbero avere un impatto cognitivo e reale.

Joseph Firth, Ph.D., del National Institute of Complementary Medicine at Western Sydney University, ha commentato i risultati:

L'allenamento con i pesi potrebbero essere particolarmente utili per le persone con problemi di salute mentale. La nostra ricerca ha dimostrato che c'è una correlazione tra forza muscolare e il funzionamento del cervello, anche nelle persone che soffrono di schizofrenia, depressione e disturbo bipolare.

Ciò solleva la forte possibilità che gli esercizi di allenamento con i pesi possano effettivamente migliorare il funzionamento fisico e mentale delle persone con queste condizioni.

Joseph Firth, Ph.D.

L'aerobica e allenamento di forza influenzano l'abilità cognitiva

Precedenti studi avevano collegato l'attività fisica, anche per un breve periodo con un miglioramento del funzionamento cognitivo. Gli studi hanno trovato che esercitarsi per almeno 20 minuti ha un effetto misurabile sul funzionamento cognitivo. Uno studio ha dimostrato che esercitarsi per soli 10 minuti potrebbe avere un effetto limitato sulle prestazioni cognitive dopo l'esercizio, suggerendo anche (solo) brevi periodi di esercizio fisico al lavoro può migliorare la produttività.

Sebbene i ricercatori non possono spiegare la causa immediata dei benefici, le teorie includono un aumento del flusso sanguigno al cervello o un rilascio di proteine specifiche, che hanno dimostrato benefici neuroprotettivi e la stimolazione di nuovi neuroni. Anche l'esercizio aerobico regolare sembra aumentare la dimensione del ippocampo, ovvero l'area del cervello coinvolta nella memoria verbale e nell'apprendimento.

La ricerca dell'Università della British Columbia ha rilevato che l'allenamento di resistenza, l'equilibrio e gli esercizi di tonificazione muscolare non hanno gli stessi risultati sull'ippocampo come l'esercizio aerobico. Quest'ultimo ha il vantaggio di costruire contemporaneamente una grande forza muscolare e d'innestare il sistema cardiovascolare. Anche i partecipanti che hanno esercitato durante la giornata di lavoro hanno aumentato la loro produttività del 14% al 23%.

In un test, i partecipanti hanno pedalato su una cyclette per 30 minuti e successivamente sono stati in grado di migliorare il punteggio della memoria, ragionamento e pianificazione. In un altro test, dopo aver corso su un tapis roulant, i soggetti hanno dimostrato un miglioramento di 20% delle capacità di risoluzione dei problemi.

Le statistiche di morte compilate indicano che i primi 3 killer sono le malattie cardiache, il cancro e le malattie respiratorie inferiori croniche. Non è un segreto che un regolare esercizio fisico e una buona alimentazione riducono drasticamente il rischio potenziale per queste condizioni. Oltre all'esercizio fisico, le scelte nutrizionali fatte ogni giorno contribuiscono notevolmente alla costruzione di muscoli forti e a un forte sistema cardiovascolare.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.