Come l’intelligenza artificiale cambierà il mondo

Come l'intelligenza artificiale cambierà il mondo

Come l'intelligenza artificiale cambierà il mondo

Merita Cami Notizie

Come l'intelligenza artificiale cambierà il mondo

Merita Cami Notizie

Merita Cami Notizie

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (51 valutazioni)

L'intelligenza artificiale può migliorare e lavorare in simbiosi con diverse professioni, però molte di queste nel prossimo futuro diventeranno obsolete perché l'intelligenza artificiale è già migliore delle prestazioni umane.

Kai-Fu Lee, uno dei leader dell'intelligenza artificiale (IA in Italiano; AI in Inglese), investitore e autore del libro AI Superpowers: China, Silicon Valley, and the New World Order, ha lavorato per decenni per i giganti della tecnologia come Apple, Microsoft e Google, sia in Cina che nella Silicon Valley (Stati Uniti). Ha conseguito il suo dottorato al Carnegie Mellon University, uno degli istituti più prestigiosi degli Stati Uniti, e forse di tutto il mondo per quanto riguarda l'intelligenza artificiale.

Per ottenere i risultati professionali che gli vengono riconosciuti, ha dovuto pagare un caro prezzo. Nel 2013, gli è stato diagnosticato un linfoma di 4° grado.

Sono stato un maniaco del lavoro fino alla mia malattia. Lavoravo 100 ore/settimana quando ero presidente di Google Cina. Mi alzavo 2 volte/note per rispondere alle email, visto che dovevo comunicare con persone con altri fusi orari.

Volevo dare l'esempio, pensando che - vedendo me - anche la mia squadra lavorasse quanto me. Dopo essere stato sottoposto all'intervento chirurgico, continuavo a lavorare sdraiato a letto mentre invece dovevo riprendermi dell'intervento.

Quando sono venuto a sapere del linfoma, la mia vita è cambiata radicalmente. Inizialmente mi sono chiesto: Perché io? Dopo un po' di tempo me ne sono fatto una ragione.

Successivamente, ho iniziato a guardare quello che era stata la mia vita e, ho realizzato che molto probabilmente era stato il mio stile di vita che in qualche modo, un po' alla volta, ha portato alla malattia: nella mia esistenza c'era molta mancanza di sonno, tanto stress e una dieta non salutare. La cosa più importante che ho realizzato è che vivevo solo per il lavoro e avevo trascurato tutte le altre cose della vita, che erano e sono più importanti..

Quando me ne sono reso conto, mi restavano solo alcuni mesi da vivere e in quel momento vedevo chiaramente come il fatto di lavorare sodo non aveva più alcun significato. Quello che ora aveva significato era dare amore e affetto alle persone importanti e passare del tempo con loro, rimpiangendo ormai la vita vissuta fino a quel momento.

Kai-Fu Lee

I rimorsi di chi sta morendo

Durante il periodo della malattia, Lee lesse il libro Vorrei averlo fatto, i 5 rimpianti più grandi di chi è alla fine della vita, di Bronnie Ware. Bronnie faceva l'infermiera ed è stata una presenza quotidiana negli ultimi giorni di vita di circa 2000 pazienti. Prima di morire, lei chiese ai malati se avevano dei rimpianti e quali fossero. Il rimpianto più ricorrente era di aver lavorato troppo.

Il 1° rimpianto in assoluto era di non aver dedicato tempo alle persone care e di non aver amato abbastanza. Un altro rimpianto era di non aver fato cose che contassero veramente qualcosa. Lee dice che leggendo quel libro ha cambiato la sua prospettiva di vita e le priorità. Quando deve rispondere alla domanda: «Cosa porta a far lavorare così tanto le persone cinesi, specialmente fra le startup», Lee risponde:

Molte delle famiglie dei nuovi imprenditori cinesi hanno vissuto in povertà per almeno 10 generazioni. Sono figli unici e hanno frequentato buone scuole. Essere figli unici comporta aspettative molto alte da parte dei genitori e quindi una pressione molto alta subita dal figlio.

Hanno lasciato impieghi con buoni e sicuri stipendi per intraprendere la via della startup, insicure e rischiose. Per fare un esempio, esiste una startup che lavora per migliorare l'equilibrio di vita-lavoro della persona. Il moto di questa startup è: «Unisciti a noi e non devi lavorare duramente come fai adesso, perché noi lavoriamo solamente 9-9-6».

Questo significa che il lavoro inizia alle 9 del mattino e finisce alle 9 di sera su 6 giorni settimanali. In molte startup, si lavora 10-12-7, che vuol dire dalle 10 di mattina fino a mezzanotte su 7 giorni settimanali.

Non esiste la pausa pranzo e nemmeno quella per cenare. Si vedono persone che mangiano davanti al proprio computer. Parliamo di 14 ore di lavoro/giorno, 7 giorni/settimana, per un totale di 100 ore. È veramente folle una cosa del genere.

Kai-Fu Lee

Venture Capital

Il libro di Lee ci aiuta a capire le potenziali conseguenze dell'intelligenza artificiale, argomento super top nella categoria tech. La maggior parte delle più grandi società sta investendo massicce risorse di denaro in questa tecnologia. La sua stessa compagnia di Venture Capital, avviata circa 10 anni fa, ha finanziato finora 15 società chiamate unicorni le quali hanno superato il valore di 1 miliardo di dollari.

I nostri investimenti registrano i risultati migliori. Uno dei motivi che ci sono così tanti unicorni è la nostra conoscenza sulla tecnologia e sull'intelligenza artificiale. Abbiamo investito in queste società quando valevano dai 10 ai 30 milioni di dollari. Ora sono stimate da 1 a 15 miliardi di dollari.

Considerando i risultati, solo queste aziende ci hanno reso molto performanti; 5 di queste sono aziende fondamentali per l'intelligenza artificiale. Le altre 10 sono aziende non IA, ma hanno usato l'intelligenza artificiale, quindi siamo stati in grado di constatare il potere dell'IA e di come sta trasformando l'uso che si fa e l'applicazione.

Kai-Fu Lee

La storia professionale di Lee

Prima delle Venture Capital, Lee era uno dei principali ricercatori dell'intelligenza artificiale nel mondo ed era responsabile della creazione di Google Cina. La sua tesi per il dottorato è stata una delle prime sul riconoscimento vocale e sull'apprendimento automatico.

Dopo il dottorato, ha diretto l'IA, i gruppi grafici e multimediali di Apple, passando per la Silicon Graphics e poi alla Microsoft, incaricato di avviare il laboratorio di ricerca di Microsoft in Cina, dove circa 5.000 persone hanno ricevuto la formazione per l'intelligenza artificiale. Di fatto, i Chief Technology Officer (CTO) di tutte le migliori aziende cinesi (circa il 70%) sono stati formati da noi in Microsoft Research.

Dopo a queste esperienze, ho lavorato con Bill Gates nella sede centrale di Apple per 5 anni prima di essere assunto da quello che sarebbe diventato Google Cina.

Ho scoperto che alcune persone dalla mente brillante intendevano lasciare Google Cina per avviare le proprie aziende. Sentivo che lo spirito imprenditoriale di queste nuove realtà avrebbe giocato un ruolo fondamentale e quindi volevo aderirvi.

Nel 2009 ho lasciato Google. Negli ultimi 10 anni ho fatto investimenti in Cina, principalmente nelle tecnologie e nello specifico nell'IA.

Kai-Fu Lee

I vantaggi tecnologici di Cina

I cinesi sono molti passi avanti rispetto alla Silicon Valley, in particolare quando si tratta di realizzazione. Per esempio, WeChat ha funzionalità di molte altre comuni app famose (Facebook, Twitter, WhatsApp, Instagram, ..) tutte in un'unica app. Inoltre, le persone in Cina usano il cellulare per pagare ovunque, online e offline, non gira più denaro contante in Cina.

L'uso della tecnologia, da parte dei cittadini, nella vita quotidiana significa che attraverso queste app transitano un'enorme quantità di dati..

Se si pensa ai dati che Facebook ha accumulato, WeChat ne ha generato molto di più. Dati sulle persone, sui cibi, sul noleggio di biciclette, noleggio delle auto, ecc. ecc. ecc.

Le persone pagano con WeChat o Alipay, queste sono le 2 scelte. Se vai nel mercatino del quartiere, in un negozio di generi alimentari o da un venditore ambulante, troverai dei cartelli con scritto «Scansionami» e non «Paga». Con la scansione puoi pagare attraverso l'applicazione, WeChat per esempio.

Kai-Fu Lee

L'intelligenza artificiale è un algoritmo incredibilmente potente che fiorisce sui dati. Il dato è per l'IA ciò che la benzina è per le auto. L'intelligenza artificiale funziona diversamente dal cervello umano, spiega Lee. Analizza semplicemente enormi quantità di dati, per esempio i modelli d'acquisto su Amazon, che consentono di apprendere le preferenze e quindi proporre prodotti che corrispondono al modello d'acquisto dell'utente.

La stessa cosa vale per i modelli di ciò che leggi online, su Google piuttosto che su Facebook, ecc. L'IA funziona anche con flussi di dati audio e video e utilizza il riconoscimento facciale e vocale. Tutti questi dati alla fine porteranno alla creazione di robot e veicoli autonomi.

Tutte queste cose si applicano a internet, alle attività commerciali tra cui banche, assicurazioni, istruzione, vendita al dettaglio, produzione e assistenza sanitaria, nonché alla robotica e ai veicoli autonomi.

Tutte queste applicazioni dell'intelligenza artificiale troveranno attuazione nei prossimi 5-15 anni, quelle per l'internet sono già applicate. Il vantaggio della Cina è avere quell'oceano di dati. Nell'era dell'IA, i dati sono il nuovo petrolio e la Cina è la nuova Arabia Saudita. Questo è il vantaggio della Cina.

Oggi, in termini di competenza di ricerca, gli Stati Uniti sono ancora molto più forti, forse 10 volte più forti. C'è da dire che le ricerche sull'argomento (generalmente) vengono pubblicate e spesso sono di libera consultazione. Una volta pubbliche, gli imprenditori - ovunque si trovino - possono utilizzare queste innovazioni.

La Cina è migliore nel prendere questi dati, elaborarli da persone che lavorano 100 ore/settimana e monetizzarli, creando applicazioni che sfruttano l'intelligenza artificiale per cambiare il settore bancario, assicurativo, l'industria, ecc.

Kai-Fu Lee

La Cina guida la tendenza dei pagamenti mobile

I dati di pagamento mobile sono incredibilmente importanti. Pochi cinesi portano con sé denaro contante o carte di credito. La maggior parte delle transazioni, sia online che offline, avviene tramite telefono cellulare. L'importo totale delle transazioni per il 2017 è stato di 17 trilioni di dollari, che è maggiore dell'intero prodotto interno lordo della Cina. Ci sono circa 800 milioni di cinesi su internet e, di questi circa 600 milioni effettuano pagamenti con lo smartphone tramite app come WeChat Pay o Alipay. Non ci sono supplementi o commissioni di alcun tipo. Lee spiega le implicazioni di questi dati finanziari:

Questi dati sono i migliori dati di sempre. Proviamo a immaginare a una diagnosi che il dottore effettua per un paziente; il dottore potrebbe commettere un errore, il cosiddetto errore umano.

Quando su un negozio online, tipo Amazon, si naviga senza acquistare, questo dato non ha nessun valore, ma se invece si compra qualcosa, il dato ora ha un alto valore. Le aziende cinesi hanno 50 volte di più di questi dati rispetto agli Stati Uniti.

Le tecnologie sono costruite su questi dati, come la progettazione di polizze assicurative basate sul reale utilizzo, come consigli su come investire il denaro, ecc. Le transazioni bancarie e finanziarie sono totalmente online.

Tutti hanno dati e tutti hanno l'intelligenza artificiale. Questo è ciò che spinge la Cina in avanti con le applicazioni IA. Gli USA guidano la ricerca, ma la Cina è all'avanguardia nell'applicazione.

Kai-Fu Lee

Il futuro dei veicoli autonomi

Gli Stati Uniti sono in testa sulla ricerca dei veicoli autonomi. La domanda da porre è se l'America continuerà a stare avanti quando poi si tratterà utilizzare sul quotidiano questa tecnologia?. Il governo cinese sta già costruendo infrastrutture che potrebbero consentire alle compagnie cinesi di lanciare veicoli autonomi più velocemente.

Per esempio, autostrade che parleranno con le auto, città che hanno nuove strade asfaltate a 2 livelli, un livello per far camminare le persone e un livello per le auto, per evitare di investire le persone che camminano.

Costerà miliardi di dollari per rifare un centro a 2 livelli per molte città, ma questo è il tipo di sforzo che il governo cinese sta facendo. Il governo sta incoraggiando e sta costruendo infrastrutture e sussidi per aiutare la Cina a diventare un leader nel mondo dell'IA.

Kai-Fu Lee

Fissare le priorità

Lee oggi lavora circa 60 ore alla settimana, ha reimpostato alcune aree della vita, ponendo importanza sulla qualità del tempo trascorso in famiglia, lo stress, il sonno e una dieta sana.

Non significa che non lavoro sodo, ma si tratta di impostare le giuste priorità. Quando i figli hanno le ferie, prendo le mie ferie per farle coincidere e non il viceversa.

Mia moglie viaggia con me ovunque andiamo e se non ha altro da fare, esco dal lavoro sulle ore 15 e la porto da qualche parte.

Questa è una delle cose positive di essere un investitore, poter disporre della mia vita. Posso mettere prima i bisogni della famiglia e poi quelli del lavoro.

Kai-Fu Lee

Dopo la diagnosi del linfoma, Lee trascorse del tempo con un brillante monaco buddista che lo avvertì di essere dipendente dalla fama e dalle ricchezze:

Dovresti pensare a ciò che conta per il mondo, restituire amore, conoscenza e saggezza. Sei in un'età in cui non devi più dimostrare nulla.

Monaco Buddista

Le implicazioni dell'IA per l'educazione e le scelte di carriera

Il motivo per cui scrisse il suo libro è informare le persone sui cambiamenti in arrivo in modo che possano fare scelte più sagge in termini d'istruzione poiché i posti di lavoro andranno inevitabilmente perduti giacché l'IA già oggi è superiore alle prestazioni umane.

L'intelligenza artificiale può migliorare e lavorare in simbiosi con un certo numero di professioni, come avvocati, medici, funzionari governativi, amministratori delegati, scienziati, ecc. Lavori invece come il telemarketing, l'impiegato in banca, il servizio clienti, i raccoglitori di frutta e verdura in agricoltura, autisti, ispettori, ecc., non esisteranno più.

Penso che sia importante che le persone sappiano e inizino a cambiare i lavori di routine e che le aziende si rendano conto di avere la responsabilità di prendersi cura di questi lavoratori se hanno intenzione di usare l'intelligenza artificiale per sostituirli con l'IA. Il lavoro di routine sparirà!

Cos'è un lavoro di routine? La maggior parte della professione di un medico non è fatta di routine, ma alcuni settori della medicina lo sono: esami, radiologia.. Non oggi, ma tra 15 anni, l'IA farà tutto da sola, comprese le diagnosi.

Penso che i genitori debbano capire. Le persone che frequentano la facoltà di medicina dovrebbero pensare: «Qual'è il lavoro medico più sostenibile e quali sono i meno sostenibili?». Questi sono messaggi importanti da dare oggi.

Il contenuto che voglio trasmettere è che noi, come datori di lavoro, genitori, persone che gestiscono aziende, dipendenti, dobbiamo pianificare il nostro futuro alla luce dell'arrivo dell'IA.

Kai-Fu Lee

Kai-Fu Lee che espone le sue idee a un talk di TED

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.