L'infiammazione cronica è fonte di tante malattie

L'infiammazione cronica è fonte di tante malattie

L'infiammazione cronica è fonte di tante malattie

Merita Cami Salute

L'infiammazione cronica è fonte di tante malattie

Merita Cami Salute

Merita Cami Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (3 valutazioni)

Un'ampia varietà di problemi di salute come l'obesità, il diabete, le malattie cardiache ed il cancro possono generarsi dall'infiammazione cronica.

L'infiammazione cronica è la fonte di molte malattie ed è stato ben accertato il fatto che il sistema immunitario spinge il processo infiammatorio nella malattia. L'infiammazione è un processo normale e vantaggioso per il corpo e si verifica quando i globuli bianchi e le sostanze chimiche del corpo proteggono lo stesso dagli invasori stranieri come batteri e virus, diventa contro produttivo quando si perde il controllo su questo processo.

Purtroppo, la maggior parte di noi soffre di uno o più di questi disturbi, ma non ha idea di come eliminare l'infiammazione. La medicina occidentale offre poche risposte reali per gestire o superare il processo autoimmune. L'approccio tipico alla terapia è generalmente quello di sopprimere la risposta immunitaria con agenti soppressivi immunitari o talvolta steroidi. Entrambi gli approcci sono progettati per ridurre l'infiammazione ma non fermano i processi della malattia e non consentono di rigenerare i tessuti danneggiati.

Come valutare le malattie infiammatorie

Ci sono 7 aree comuni che dovrebbero essere considerate quando si esaminano fattori causali per la disfunzione gastrointestinale che creano l'ambiente ideale per l'infiammazione cronica.

Dieta: alcol, glutine, caseina, alimenti trasformati, zucchero, fast food

Farmaci: corticosteroidi, antibiotici, antacidi, xenobiotici

Infezioni: l'H-Pylori, candidosi o la crescita eccessiva dei batteri, l'infezione virale o parassiti

Stress: aumento del cortisolo, aumento delle catecolamine

Ormone: tiroide, progesterone, estradiolo, testosterone

Neurologica: trauma cerebrale, ictus, neurodegenerazione

Metaboliche: prodotti finali infiammatori del metabolismo dello zucchero, infiammazione intestinale

La dieta è la chiave per ridurre l'infiammazione cronica

Spesso, la maggior parte delle persone rimangono stupite quando si rendono conto che la maggior parte delle malattie infiammatorie inizia nell'intestino con una reazione autoimmune che avanza in infiammazione sistemica. È importante rendersi conto che i componenti dietetici possono impedire o far scattare l'infiammazione a radicarlo nel corpo e gli alimenti trasformati fanno quest'ultimo la causa di ingredienti pro-infiammatori.

La chiave per ridurre l'infiammazione cronica nel tuo corpo è iniziare con la dieta e l'utilizzo di erbe, spezie e cibo di qualità. Sono un'arma segreta poco costosa che quasi tutti possono trarre vantaggio. Tuttavia, se i cibi trasformati sono parte maggiore della tua dieta, non è sufficiente aggiungere queste spezie ai pasti. Sostituire gli alimenti trasformati con cibi interi, idealmente biologici, e ancora meglio.

Conclusione

Lo stile di vita gioca un ruolo importantissimo nel ripristino dei meccanismi beneficiali. Oltre la dieta, bisogna curare altri aspetti come: creare condizioni di amore ed apprezzamento, mantenere atteggiamenti positivi, mantenere un corretto esercizio fisico, avere un sonno adeguato.

Ricordiamo che una serie di problemi di salute, inclusi, ma non limitati, il dolore cronico, l'obesità, la neuropatia periferica, il diabete, le malattie cardiache, l'ictus, l'emicranie, l'emorragie della tiroide, i problemi dentali ed il cancro sono tutti radicati nell'infiammazione. Va affrontato correttamente se si vuole guarire!

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.