Un semplice test per riconoscere la deprivazione del sonno

Un semplice test per riconoscere la deprivazione del sonno

Un semplice test per riconoscere la deprivazione del sonno

Mercedes Fejzollari Salute

Un semplice test per riconoscere la deprivazione del sonno

Mercedes Fejzollari Salute

Mercedes Fejzollari Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (2 Recensioni)

Il test di latenza creato da Nathaniel Kleitman, può aiutare a determinare se si soffre di deprivazione del sonno.

Se ci si sente stanchi verrebbe spontaneo associare questo stato alla mancanza del sonno. Tuttavia, i segni della privazione del sonno non possono essere sempre ovvi.

Nathaniel Kleitman, dottore di ricerca e professore emerito in fisiologia presso l'Università di Chicago, ha ideato un test molto semplice per determinare se si è soggetti alla mancanza di sonno.

Un test per scoprire se siamo deprivati di sonno

Il test del sonno di Kleitman è basato su una scienza concreta. Facciamo una dovuta premessa: con deprivazione si intende la situazione in cui una persona non dorme le ore necessarie di cui ha bisogno. Nel caso ci siano problemi di insonnia, il test ovviamente non è valido e bisogna rivolgersi ad un medico. Un aiuto in questo caso potrebbe essere il rilassamento dei muscoli tramite l'ipnosi medica. Vediamo ora come funziona il test.

Nel primo pomeriggio andare in una camera oscurata per fare un pisolino. Posizionare un vassoio metallico sul pavimento accanto al letto e tenere in mano un cucchiaio (anch'esso metallico), fuori dal letto in direzione sopra il vassoio. Prendere nota dell'ora e provare ad addormentarsi.

Una volta addormentati, la mano lascerà cadere il cucchiaio ed il rumore che questo produrrà a contatto col vassoio avrà come effetto il risveglio. Guardare l'ora di nuovo. Se ci si è impiegati 5 minuti o meno, significa che si dorme troppo poco. Se ci si è impiegati 10 minuti, è necessario dormire comunque un po' di più, mentre se ci si è impiegati più di 15 minuti significa che la situazione va bene.

Segni che dimostrano che non si dorme abbastanza

  1. si ha sempre fame - L'insonnia influenza gli ormoni che alzano la soglia della sazietà e portano quindi ad avere più appetito.
  2. aumento del peso - La mancanza di sonno può portare all'aumento del peso come conseguenza del fatto che si ha più appetito ed anche perché porta ad avere delle disfunzioni metaboliche che portano all'aumento del peso appunto, indipendentemente dalla quantità di cibo mangiata.
  3. mancanza di memoria - Dormire è una funzione importante anche per mantenere in forma il nostro cervello e se ne siamo privi, può avere delle conseguenze nel corretto funzionamento della memoria.
  4. sempre malato - La privazione del sonno ha lo stesso effetto sul sistema immunitario come lo stress fisico. La mancanza di sonno è legata all'aumento del rischio di numerose malattie croniche e malattie acute come i raffreddori e l'influenza.
  5. troppo emotivo - La mancanza di sonno porta le emozioni ad intensificarsi e quindi si potrebbe esagerare nel esprimerle. Questo accade perché una parte del cervello, privo di sonno, non riesce a controllarle.
  6. vista offuscata - La mancanza di sonno condiziona anche la vista. Quando siamo stanchi, il muscolo ciliare degli occhi non funziona bene e porta all'offuscamento della vista.
  7. impatti negativi nell'aspetto fisico - Dormire meno affetta anche l'aspetto fisico perché altera l'equilibrio ormonale e fa apparire meno attrattivi, salutari e più stanchi. Per migliorare la qualità del sonno sarebbe ideale svegliarsi con l'innalzarsi dell'alba e coricarsi quando la luce del sole è tramontata.

Un altro accorgimento dovuto per un sonno ideale è dormire senza luce, ma se questo non è possibile, provare ad utilizzare una lampada di sale illuminata da un riflettore di 5 watt che non interferisce con la produzione di melatonina. In relazione a questo si possono trovare informazioni specifiche nell'articolo Perché non dovresti dormire con le luci accese.

E tu sei soggetto di deprivazione di sonno?

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.