La vitamina E aiuta a ridurre il rischio del cancro

La vitamina E aiuta a ridurre il rischio del cancro

La vitamina E aiuta a ridurre il rischio del cancro

Merita Cami Salute

La vitamina E aiuta a ridurre il rischio del cancro

Merita Cami Salute

Merita Cami Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (2 valutazioni)

La vitamina E combatte l'infiammazione, supporta il cuore e il sistema immunitario e riduce il rischio del cancro alla prostata, colon, seno e polmoni.

La vitamina E è una vitamina liposolubile con un enorme potere antiossidante che aiuta a combattere i radicali liberi danneggiati. Inoltre copre un ruolo rilevante nella produzione dei globuli rossi, aiuta il corpo a utilizzare la vitamina K (la quale è molto importante la salute del cuore) ed è coinvolta nelle funzioni del sistema immunitario. Purtroppo, molte persone non ottengono dalla dieta abbastanza di questo micronutriente basilare.

Una quantità insufficiente di vitamina E può aumentare il rischio di svariate malattie, compresa la disfunzione immunitaria, il deterioramento cognitivo, le malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro: alla prostata, al colon e al/i polmone/i.

Bassi livelli di vitamina E sono legati a un rischio più elevato di tumore del colon-retto

Alcuni studi hanno esaminato l'influenza della vitamina E sulle malattie quali il cancro. Gli studi che valutano il potenziale anti-cancro della vitamina E naturale hanno scoperto che:

  • 300 IU di vitamina E naturale può ridurre il rischio del cancro ai polmoni di circa il 61%
  • gamma-tocotrienol, un cofattore trovato nelle preparazioni di vitamina E naturali può ridurre del 75% la formazione del tumore alla prostata
  • gamma-tocotrienol combatte il cancro alla prostata esistente e può inoltre bloccare la crescita delle cellule cancerogene del seno

Più recentemente, una meta-analisi di 11 studi ha concluso che i pazienti con concentrazioni inferiori di vitamina E nel siero (il livello della vitamina E nel sangue) avevano un rischio maggiore per il cancro del colon-retto. Uno studio pubblicato nel 1993, ha anche scoperto che l'elevata assunzione di vitamina E contribuiva a ridurre il rischio di cancro del colon-retto, soprattutto negli individui di età inferiore ai 65 anni. Nello studio viene spiegato:

La vitamina E è il principale antiossidante liposolubile presente nelle membrane cellulari dove protegge dalla perossidazione dei lipidi. Inoltre, come i carotenoidi e la vitamina C solubile in acqua, può anche stimolare il sistema immunitario e proteggere contro lo sviluppo del cancro rafforzando la sorveglianza immunitaria. Le vitamine E e C insieme riducono il nitrito, composti che inducono tumori …

Altri benefici della vitamina E naturale per la salute

Oltre il suo potere di prevenzione contro il cancro, la vitamina E naturale può anche:

  • abbassare il rischio delle malattie del cuore e ictus
  • abbassare il rischio della degenerazione maculare relativa all'età, causa che conduce alla perdita della vista negli anziani
  • promuove miglioramenti nei vasi sanguigni, necessario questo quando si smette di fumare
  • aiuta ad alleviare i sintomi legati a steatohepatite non alcolico, un comune stato di obesità legata al fegato grasso
  • ritarda la perdita delle funzioni cognitive nei pazienti con Alzheimer

Le migliori fonti della vitamina E

Il cibo è la migliore fonte di vitamina E perché il cibo contiene una combinazione di 8 tipi di vitamina E. La vitamina E è sintetizzata dalle piante e le quantità più elevate si trovano nelle piante oleose. Alcuni esempi di alimenti con alta concentrazione di vitamina E sono:

  • verdure con foglie verdi
  • alimenti grassi come noci, mandorle, semi di girasole, nocciole
  • olio d'oliva
  • avocado
  • broccoli
  • kiwi

Integratori di vitamina E

Infine, alcuni studi hanno associato l'uso della vitamina E sintetica ad un aumento del rischio del cancro, quindi diciamo No agli integratori sintetici di vitamina E. Gli integratori (anche quelli naturali) sono da considerarli come un'aggiunta e non in sostituzione di una dieta sana. Consci del fatto che la vitamina E è liposolubile, per aumentare la sua biodisponibilità è meglio se presa con alimenti grassi, come per esempio l'olio di cocco o l’avocado. Infatti, gli studi hanno dimostrato che il corpo assorbe dagli integratori, solo il 10% della vitamina E quando si prende senza grassi. Altri studi condotti su umani hanno rilevato che per mantenere un corpo salutare si ha bisogno di almeno 50 IU di vitamina E al giorno.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.