I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale

I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale

I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale

Merita Cami Salute

I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale

Merita Cami Salute

Merita Cami Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (2 Recensioni)

I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale e non solo ma il punto chiave è rispettare i tempi di cottura.

A colpo d'occhio

  • Sono note le sue proprietà chemio-preventive. Una nuova ricerca mostra che questa verdura crucifera può anche essere molto utile nel trattamento della colite e della permeabilità intestinale.
  • L'impermeabilità intestinale avviene quando si sviluppano vuoti tra le cellule che compongono la membrana che riveste la parete intestinale. Questi vuoti permettono alle sostanze che dovrebbero essere limitate al tratto digestivo di entrare nel flusso sanguigno.
  • Per ottenere questo effetto curativo, bisogna mangiare 3,5 coppette di broccoli al giorno. È possibile ottenere lo stesso effetto da una sola tazza di germogli di cavoli di Bruxelles.
  • I broccoli hanno anche molti altri benefici per la salute, aumentano la salute mitocondriale e il metabolismo energetico, proteggono dall'obesità, dal diabete di tipo 2, dalle malattie cardiache, dalle malattie neurodegenerative e dal cancro.

I broccoli sono vicini parenti dei cavolini di Bruxelles, cavolo e cavolfiore, e forse sono i più conosciuti per le proprietà chemio-preventive. Sono un'ottima fonte di glucosinolati fitonutrienti, flavonoidi e altri composti antiossidanti e anticancro. I broccoli sono conosciuti per avere un'attività antitumorale in quanto possiedono il sulforafano ovvero uno zolfo organico naturale.

Dallo studio del Penn State condotto sui topi, sulla presenza dei broccoli nell'alimentazione, sono stati trovati molto più animali in grado di tollerare i problemi digestivi rispetto agli altri che non hanno mangiato broccoli. Gli scienziati hanno aggiunto che i risultati potrebbero essere una svolta per gli esseri umani, visto che i problemi digestivi possono condurre ad altri problemi gravi.

Gli studi hanno dimostrato che il sulforfarano supporta la normale funzionalità e divisione delle cellule mentre provoca l'apoptosi (morte programmata cellulare) nel colon, prostata, seno e cancro al polmone indotta dal fumo e riduce il numero di tumori epatici nei topi. 3 porzioni/settimana di broccolo può ridurre il rischio di cancro alla prostata di oltre il 60%.

I broccoli aiutano a guarire la permeabilità intestinale

Mentre la sindrome dell'intestino impermeabile è principalmente associata a malattie infiammatorie come la colite ulcerosa e la malattia celiaca, anche gli individui sani possono avere gradi diversi di permeabilità intestinale che portano ad una grande varietà di sintomi e che può essere influenzato in modo significativo dalla dieta.

Una volta compromessa l'integrità del rivestimento intestinale, consentendo alle sostanze tossiche di entrare nel flusso sanguigno, il corpo sperimenta un significativo aumento dell'infiammazione. Anche il sistema immunitario può diventare confuso e cominciare ad attaccare il proprio corpo come se fosse un nemico - un segno distintivo di autoimmunità.

Quello che si è scoperto è che quando si mangia broccoli viene prodotto un composto chiamato indolocarbazolo (ICZ), che catalizza un sano equilibrio non solo nell'intestino ma anche nel sistema immunitario, in quanto i due citati sono intricati. In questo studio, il 15% della dieta degli animali è stata scambiato con broccoli crudi, equivalenti a 3,5 coppette di broccoli al giorno per l'uomo.

Il modo migliore per mangiare broccoli

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le qualità medicinali del broccolo maturo sono in realtà ottimizzate attraverso la cottura. La precisione è fondamentale, visto che c'è una linea sottile tra l'ottimizzazione del suo contenuto di sostanze nutritive e la distruzione attraverso il sovraccarico. Ecco alcuni consigli e linee guida per aiutarti a sfruttare al meglio i broccoli:

  • Aderire ai tempi di cottura ideali: la ricerca mostra che cucinare a vapore per 3-4 minuti il gambo del broccolo maturo aumenterà il contenuto disponibile di sulforaphane. Assicurati di non superare i 5 minuti, in quanto oltre quel punto iniziano a perdere le proprietà preziose. Se si sceglie di bollire, bollisci i broccoli in acqua per non più di 20-30 secondi, poi immergi in acqua fredda per fermare il processo di cottura.
  • Mangiare verdure crocifere con semi di senape macinati o altri alimenti ricchi di mirosinasi: Questo abbinamento massimizza ulteriormente il contenuto di sulforaphane. L'aggiunta di un cibo ricco di mirosinasi è particolarmente importante se si mangia il broccolo crudo o utilizza broccoli congelati.
  • Optare per i freschi: Idealmente, utilizzare broccoli grezzi appena raccolti per quanto possibile poiché il broccolo congelato ha diminuito la capacità di produrre sulforaphane. Ciò è dovuto al fatto che myrosinase viene rapidamente distrutto durante il processo di sbollentamento. Il broccolo può anche perdere l'80% del suo glucoraphanin - il precursore di sulforaphane - nei primi 10 giorni dopo la raccolta.
  • Per le ricette che richiedono tempi di cottura più lunghi, tagliare e attendere prima di cottura: quando una verdura crocifera viene tritata, la mirosinasi viene attivata. Quindi, tagliando il cibo e aspettando circa 40 minuti, il sulforafarano si sarà formato, permettendo di cucinare il cibo in eccesso rispetto ai tre o quattro minuti di vapore consigliati o 30 secondi di bollitura.
Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.