L'esercizio ad alta intensità riduce il rischio cecità

L'esercizio ad alta intensità riduce il rischio cecità

L'esercizio ad alta intensità riduce il rischio cecità

Merita Cami Salute

L'esercizio ad alta intensità riduce il rischio cecità

Merita Cami Salute

Merita Cami Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (3 valutazioni)

Una combinazione d'esercizio fisico e altre scelte salutari può aiutare a prevenire diverse cause che portano alla cecità, incluso il glaucoma.

Invecchiare è inevitabile, ma le condizioni legate all'età non devono necessariamente essere. Una delle condizioni che peggiora quando s'invecchia è il perdita graduale della vista. Tuttavia, al contrario di quello che possiamo credere, gran parte della vista dipende dallo stile di vita e non dall'età fisica.

Alcuni dei problemi della vista che si verificano con il passare del tempo includono: la cataratta, retinopatia diabetica, degenerazione maculare e glaucoma; gli ultimi due sono le principali cause che danno luogo alla cecità.

Esistono diverse strategie di buon senso che aiutano a proteggere la vista, tra cui smettere di fumare, normalizzare lo zucchero nel sangue e ridurre o (ancor meglio) eliminare l'aspartame e gli acidi grassi trans trasformati. I nostri occhi rispondono al supporto nutrizionale, ma recenti ricerche dimostrano anche che, un esercizio che d'intensità da moderata a intensa può ridurre il rischio di glaucoma fino al 73%.

L'esercizio riduce il rischio di glaucoma

Un gruppo di ricercatori dell'University of California ha utilizzato i dati di un'indagine svolto a livello nazionale dal National Health and Nutrition Examination Survey per mettere a confronto gli individui attivi e meno attivi in modo da valutare il rischio glaucoma.

Per molti anni si presumeva che le scelte di vita non influenzassero la pressione oculare, ma recentemente gli studi hanno dimostrato che l'esercizio fisico influenza il flusso sanguigno e la pressione negl'occhi. L'autrice principale, la dottoressa Victoria Tseng e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati del NHANES per analizzare la differenza di rischio in base all'intensità dell'esercizio.

Tseng ha descritto il livello d'attività in base al numero di passi compiuti in 1 minuto e alla velocità della camminata. Camminare per 7.000 passi al giorno per 5 giorni alla settimana è stata considerata equivalente a 30 minuti d'esercizio moderato.

Tseng e i suoi colleghi hanno scoperto che coloro che praticano attività d'intensità da moderata a vigorosa, come definito dai parametri dello studio, hanno avuto una riduzione del rischio di soffrire di glaucoma del 73%. I risultati dello studio sono stati presentati alla 121a riunione annuale dell'American Academy of Ophthalmology (AAO) a New Orleans. Tseng ha commentato i risultati durante la sua presentazione, dicendo:

Non è solo l'esercizio fisico che può essere associato a un ridotto rischio di glaucoma, ma chi esercita con maggiore velocità, con più passi o con la corsa può anche ridurre ulteriormente questo rischio rispetto a chi si allenano a velocità ridotta o con meno passi.

Le scelte migliori per sostenere la salute degli occhi

L'esercizio fisico non è l'unico modo per sostenere la salute degl'occhi e della vista. Alcune le scelte che facciamo e che mangiamo quotidianamente, gli apparecchi elettronici che utilizziamo e per quanto tempo li utilizziamo possono avere un impatto rilevante sugl'occhi nel lungo termine. Ecco alcune scelte di stile di vita che potresti prendere in considerazione per proteggere gli occhi:

Equilibrare l'esposizione alla luce blu
Normalizzare lo zucchero nel sangue
L'eccesso di zucchero e la resistenza all'insulina possono estrarre liquido dalla lente dell'occhio, influenzando l'area e la capacità di concentrazione. L'eccesso di zuccheri a lungo termine e il diabete può danneggiare i vasi sanguigni della retina, ostruire il flusso sanguigno e limitare la vista in modo permanente.
Luteina e zeaxantina
Sono potenti composti vegetali antiossidanti. La luteina si trova nelle verdure a foglia verde come spinaci e cavoli e altre verdure colorate come carote, broccoli, peperoni rossi e gialli, pomodori e spezie. Molti di questi alimenti sono anche ricchi di zeaxantina.
Astaxantina
Questo nutriente è prodotto dalle microalghe quando la disponibilità d'acqua si prosciuga, proteggendo così le alghe dalle radiazioni ultraviolette. È possibile assorbire l'ataxantina dal salmone pescato dell'Alaska, ma per ottenere il massimo beneficio dalla sostanza nutritiva potrebbe essere necessario un integratore. L'astaxantina è un carotenoide e può essere uno dei nutrienti più importanti per proteggere dalla cecità.
Vitamina C
Mentre questo potente antiossidante non protegge dal glaucoma, può proteggere dalla cataratta, la 2a causa principale di perdita della vista.
Grassi omega-3 a base animale
La retinopatia diabetica è una grave complicanza del diabete di tipo 2 che si verifica quando il flusso sanguigno alla retina è ostruito. In uno studio del Journal of the American Medical Association, i ricercatori hanno scoperto che le persone di mezza età e anziani con diabete di tipo 2 che hanno consumato 500 milligrammi/giorno di grassi omega-3 da due porzioni di pesce ricco di omega 3 alla settimana, hanno ridotto del 48% il rischio di retinopatia diabetica.
Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.