È giusto fare la guerra al sale?

È giusto fare la guerra al sale?

È giusto fare la guerra al sale?

Merita Cami Salute

È giusto fare la guerra al sale?

Merita Cami Salute

Merita Cami Salute

1 1 1 1 1 Valutato 5.00 (1 Recensione)

Molti problemi della salute spesso si attribuiscono all'uso del sale, ma questo sta comportando una serie di conseguenze non intenzionali.

La teoria che il sale è un male perché contribuisce ad alzare la pressione sanguigna e provoca malattie cardiache si sta cementando sempre di più come verità assoluta. In realtà, alcuni studi dimostrano che una dieta a basso contenuto di sale può peggiorare malattie cardiovascolari ed aumentare il rischio di morte precoce nei pazienti ad alto rischio di malattie cardiache. Inoltre, abbassando l'assunzione del sale potrebbe anche diminuire la sensibilità all'insulina ed avere un effetto negativo sui lipidi del sangue.

Il rapporto potassio - sodio

I studi hanno chiaramente dimostrato che mantenere il giusto equilibrio di potassio e sodio è molto più importante che abbassare solo il consumo del sale. Generalmente si raccomanda di consumare cinque volte più potassio rispetto al sodio. ll potassio è un minerale che il corpo usa in modo naturale come elettrolita (sostanza che conduce l'elettricità) ed è vitale per un funzionamento ottimale della salute. Il potassio aiuta a rilassare le pareti delle arterie, evitare i crampi dei muscoli ed abbassare la pressione sanguigna. La ragione più comune quando ci scontriamo con bassi livelli di potassio è una dieta povera composta da cibi trattati, come ad esempio l'alimentazione occidentale è povera di potassio.

Il sale sostituito dal glutammato

Di contro, quando si abbassa il sale negli alimenti trasformati, molti produttori aggiungono il glutammato, scoperto più di 100 anni fa. Questo viene aggiunto al cibo per migliorare il gusto riducendo il bisogno di sale. L'uso del glutammato è associato ad una serie di problemi della salute come obesità, fatica, depressione e mal di testa, ma può anche aumentare il rischio di malattie neurologiche come l’Alzheimer, Parkinson ed altro ancora.. In ogni caso sono stati individuati alcune combinazioni per offrire una certa protezione contro gli effetti nocivi del glutammato. Possiamo nominare la vitamina C ed il licopene. Quest'ultimo risulta altamente efficace nell'alleviare gli effetti tossici del glutammato proteggendo il tessuto cerebrale.

La soluzione è il cibo, quello vero

È preferibile ottenere i nutrienti necessari dall'alimentazione piuttosto di utilizzare gli integratori, in quanto il cibo contiene più di una sostanza nutritiva e sotto forme diverse. Per esempio, il potassio che si trova nella frutta e verdura è citrato di potassio o malato di potassio, mentre gli integratori li troviamo spesso come cloruro di potassio. Queste forme contribuiscono a produrre alcali che aiutano a preservare la massa muscolare e la salute delle ossa. Se non si dispone di un equilibrio alcalino corretto per bilanciare gli acidi e le proteine, si perde calcio e come conseguenza si diminuisce la massa ossea fino a portare all'osteoporosi. Quando nel corpo c'è più acido di quello che è in grado di espellere facilmente, le cellule ossee ricevono un segnale che il corpo ha bisogno di neutralizzare gli acidi. Le ossa sono una grande riserva alcalina, così il corpo disintegra alcune ossa per aggiungere alcali al sistema.

A completamento dell'argomento va anche detto che, quando si acquista il sale ci si deve assicurare che non sia del tipo raffinato o trasformato (anche se minimamente). Uno sicuramente da preferire potrebbe essere il sale rosa di Himalaya, ricco di minerali naturali necessari per la salute delle ossa, per il bilanciamento dei fluidi e per la salute in generale.

Info contenuti

Informativa sui contenuti

Il presente materiale è da considerare come mera informazione. Non si intende e non si deve sostituire al consiglio dei medici. Non forniamo diagnosi mediche e non proponiamo trattamenti medici. Non è il nostro obiettivo sostituirci al supporto professionale dei medici o a quanto da loro prescrito. In nessun modo non disprezzare o ritardare il consiglio professionale dei medici per via di qualche informazione che hai letto qui.